Der Klang des Südens - Un viaggio attraverso suoni, parole, musica

Questo evento si è tenuto nel passato

Der Klang des Südens - Un viaggio attraverso suoni, parole, musica è un progetto che il Goethe-Institut Genua, in collaborazione con la Scuola di Musica Elettronica del Conservatorio di Musica “Niccolò Paganini”, ha avviato nel gennaio 2010 con la collaborazione di due città sedi del Goethe-Institut, Barcellona e Lisbona, nell’ambito dell’iniziativa del Goethe-Institut "Un viaggio verso Sud".

Il progetto trova quindi la sua ideale collocazione in tre città sul mare, Barcellona, Genova e Lisbona, che tradizionalmente sono state e sono tuttora la meta privilegiata del turismo dal Nord Europa e hanno quindi contribuito a definire in Germania una particolare immagine di quel “Sud” già caro al Romanticismo tedesco.

“Der Klang des Südens” consiste nella produzione di tre Hörspiele su testi originali scritti da autori tedeschi e musiche di giovani compositori con esperienza elettroacustica attivi presso il Conservatorio “Niccolò Paganini” di Genova, il Miso Music Portugal di Lisbona e la Escola Superior de Música de Catalunya (ESMUC) di Barcellona.

Il tema del viaggio al Sud è stato sviluppato a partire dal paesaggio sonoro delle città coinvolte, paesaggio che ha colto la loro essenza e profonda identità culturale, riproponendo i loro più peculiari ambienti sonori. La definizione che Marinetti diede della radio (“Immaginazione senza fili”) ha fornito lo spunto per un viaggio basato solo sulle suggestioni acustiche: le scrittrici coinvolte nel progetto (Judith Kuckart per Barcellona, Nora Gomringer per Genova e Juli Zeh per Lisbona) hanno infatti scritto i loro testi ispirandosi esclusivamente alle suggestioni del paesaggio sonoro che è stato loro inviato. Una volta tradotti in catalano, italiano e portoghese, i tre testi sono stati registrati da attori professionisti, le cui voci, insieme al paesaggio sonoro, hanno costituito il materiale base su cui costruire la parte musicale dell’Hörspiel. Quindi il suono che dal Sud aveva raggiunto la Germania, è ritornato sotto forma di testo per divenire nuovamente suono, musica.

L’Hörspiel creato a Genova ha preso il titolo dal testo scritto da Nora Gomringer La Lanterna. Genova speculativa.

L’autrice si è ispirata per la sua scrittura a un paesaggio sonoro che a Genova ha privilegiato i soundmarks, ovvero quei suoni che meglio caratterizzano la nostra cultura, impronte sonore del paesaggio genovese: il porto e il mare, il dialetto, le crêuze (tipiche stradine pedonali di mattoni rossi e ciottoli che attraversano, isolate da muretti a secco, la città), gli antichi artigiani (molto presenti in città e nell’entroterra), la cucina (gara internazionale di pesto), gli stretti caruggi (nobile casbah del più grande centro storico d’Europa), la musica dei cori maschili di trallalero, i particolari trasporti (funicolari e ascensori) che agevolano la salita delle ripide strade. E poiché la cultura genovese, nonostante l’evidente predominanza del mare e dei suoi traffici, è una cultura di terra, le numerose ore di registrazioni sono state “composte” seguendo il viaggio che nei secoli i genovesi hanno compiuto dal monte al mare, dal Nord al Sud. È così nato un affresco sonoro desideroso di condurre la scrittrice Nora Gomringer e gli ascoltatori finali dell’Hörspiel in un viaggio virtuale lontano dalle consuete suggestioni visive.

La realizzazione dell’Hörspiel “La Lanterna. Genova speculativa” ha visto la partecipazione di Giacomo Lepri, Irene Pacini, Michele Pizzi e Luca Serra per le musiche, di Silvia Beillard, Luca Criscuoli, Marta Gerosa e Federica Toti per la recitazione dei testi e di Ruth Heynen per la canzone in tedesco. La supervisione artistica è di Roberto Doati.

La presentazione di “Der Klang des Südens” a Genova avviene nel Museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce, nel cui parco sono stati creati tre percorsi sonori che il pubblico può seguire, ognuno dei quali è dedicato ad uno dei tre Hörspiele. Contemporaneamente, il Sud è protagonista anche all’interno del Museo, le cui sale ospitano una mostra con opere provenienti dalle collezioni del MACBA – Museo di Arte Contemporanea di Barcellona, del Museu do Chiado – Museo Nazionale di Arte Contemporanea di Lisbona e del Museo d’Arte contemporanea di Villa Croce.

Come arrivare:
Dall’aeroporto : Volabus 100 scendere in piazza Acquaverde (Stazione Ferroviaria Porta Principe) e prendere il 35, 35/ fino a Via A. Vannucci (capolinea)

Dalla Stazione Marittima: prendere l’1, 2 scendere in piazza Caricamento, prendere il 12 e scendere a Villa Croce
Dalla Stazione Genova Brignole : prendere il 12, lato viale E. Filiberto e scendere a Villa Croce
Dalla Stazione Genova Porta Principe : prendere il 35, 35/ fino a Via A. Vannucci (capolinea)

Autostrada A7, A10, A12, A26 uscire a Genova Est, Genova Ovest



Centocittà

Centocittà offre informazioni sullo shopping, sui migliori negozi, sul tempo libero e gli eventi, ma anche sulle tradizioni, sul lavoro e su tutto ciò che può essere utile per vivere le città italiane.