Gerald Genta

Gerald Genta, è uno dei designer e orologiai più creativi dell'ultimo mezzo secolo. Di origini piemontesi, nasce a Ginevra nel 1931, lasciando il segno nel mondo dell'orologeria. Nel 1951 completa la sua formazione con un diploma federale di oreficeria.

Le sue origini però, lo vedono pittore, con fascino italiano e con una passione per la gioielleria, cosa che lo spingeranno presto a mettersi in proprio. Apre l'azienda che porta il suo nome nel 1969, specializzandosi nel design di orologi.

La mano del designer Gérald Genta ha definito i tratti della "generazione" di orologi sportivi anni ’70. Orologi che ancora oggi, nelle versioni moderne, sono il sogno di molti appassionati collezionisti.

Fu Gérald Genta a disegnare il Nautilus, di Patek Philippe, il 222 di Vacheron Constantin, predecessore dell’attuale Overseas, il Royal Oak, di Audemar Piguet e l’Ingegneur, di IWC. L’ulteriore particolarità che lega tre fra questi orologi è che ospitavano lo stesso movimento ultrapiatto di manifattura Jaeger-LeCoultre, Il calibro JLC 920 ultra-thin.

La Gerald Genta, però, nel 1981, si distingue anche per la creazione di orologi come un ripetizione minuti automatico di soli 2,72 mm. di spessore.

Nel 1994 nasce il Grand Sonnerie Retro, l'orologio più complicato del mondo in vendita a 2 milioni di Franchi Svizzeri.

Nel 2004 lancia il suo fiore all'occhiello, un tourbillon fatto in collaborazione con Antonie Preziuso. Il 2006 lo vede a Baselworld con uno stand che offre un "viaggio" all'interno dell'orologeria attraverso la pittura, rivelandosi l'artista che è con un insolita esperienza.

Morirà all'età di 80 anni il 17 agosto 2011.

Prodotti/servizi: Orologi da polso.

Orologi Gerald Genta. Gioiellerie e rivenditori orologi Gerald Genta.

Oroshop

Vedi la scheda di  Oroshop

Via Carulli, 26/28 - Bari (Ba) Puglia

Sinesi Gioielli

Vedi la scheda di  Sinesi Gioielli

Via Carulli 22a/24 - Bari (Ba) Puglia




Centocittà

Centocittà offre informazioni sullo shopping, sui migliori negozi, sul tempo libero e gli eventi, ma anche sulle tradizioni, sul lavoro e su tutto ciò che può essere utile per vivere le città italiane.