Napoli COMICON 2012 - CINQUANT’ANNI VISSUTI DIABOLIKAMENTE

Questo evento si è tenuto nel passato

CINQUANT’ANNI VISSUTI DIABOLIKAMENTE è la mostra celebrativa per il primo mezzo secolo di vita del Re del Terrore.

Oggi ci troviamo a festeggiare i cinquant’anni di Diabolik, nato nel 1962 dalla fantasia di due signore della buona borghesia milanese, Angela e Luciana Giussani. E lo facciamo con una mostra degna dell’inossidabile successo del Re del Terrore, ormai entrato nell’immaginario collettivo degli italiani, anche di quelli che non ne hanno mai letto un fumetto.

La mostra, che ha inaugurato il suo viaggio in Italia a Milano lo scorso marzo, vuole raccontare mezzo secolo di vita del Re del Terrore, dagli esordi a oggi, e per farlo si sviluppa in una serie di teche contenenti cimeli e diabolike memorabilia, arricchite da monitor con filmati d’epoca, carrellate di immagini, foto e disegni.

Sono anche a disposizione del pubblico dei totem interattivi (touch screen) su cui è possibile sfogliare i fumetti e compiere ricerche a tema sui contenuti degli oltre settecento episodi di Diabolik pubblicati sino a oggi.

Inoltre su un grande schermo LCD si può vedere il documentario Le sorelle Diabolike dedicato alla vita e all’opera di Angela e Luciana Giussani.

Dopo Milano, la mostra è ospitata al PAN | Palazzo delle Arti Napoli dal 6 aprile al 6 maggio in occasione della XIV edizione di Napoli COMICON, per poi proseguire il suo viaggio nelle più importanti manifestazioni dedicate ai fumetti… e non solo.

Eccezionalmente e solo in occasione della tappa napoletana, alla mostra è abbinata un’esposizione dal titolo: DIABOLIK AL MURO che propone una panoramica dei manifesti, delle locandine, dei poster, delle stampe artistiche (e altro ancora) dedicate a Diabolik ed Eva Kant, realizzati per i più diversi scopi nell’arco dei cinquant’anni di storia dei personaggi.

La mostra, a cura di Astorina e Napoli COMICON, è a ingresso gratuito e rispetterà i seguenti orari:
da lunedì a sabato ore 9.30-19.30
domenica e festivi ore 9.30-14.30
chiuso il martedì

Come arrivare:
Al centro di Napoli, nel cuore dell’elegante quartiere Chiaia, facilmente raggiungibile con metropolitana e funicolare, non distante dal lungomare, dalla Villa Comunale e dal Museo Villa Pignatelli.

Dall'aeroporto:
Bus CLP in partenza ogni 30 minuti dalle 8 alle 24, diretto a Piazza Municipio. Di lì prendere l'autobus R3. Scendere alla fermata di Piazza San Pasquale, proseguire a piedi per circa 5 minuti, salendo Via Carducci fino alla fine. Al termine di questa, all'incrocio con Via dei Mille, si trova Palazzo Roccella.
In mancanza dell'R3 prendere il C25 in Via Depretis. Scendere a Piazza Amedeo e di lì imboccare Via Vittoria Colonna, proseguendo sul lato sinistro, fino all'incrocio con Via Carducci.

Dalla stazione FS:
Prendere la metropolitana linea 2 in direzione Pozzuoli e scendere a Piazza Amedeo, di lì seguire il percorso indicato sopra.

Dal quartiere Vomero:
Metropolitana collinare in direzione Museo, di lì prendere la linea 1 della metropolitana in direzione Pozzuoli, scendere a Piazza Amedeo di lì seguire il percorso indicato sopra.
Una valida alternativa resta la funicolare di Chiaia in Via Cimarosa: scendere all'ultima fermata Parco Margherita, proseguire per Piazza Amedeo, di lì seguire il percorso indicato sopra.

Dall'autostrada:
Dalla autostrada A2 (proveniente da Roma) o dalla A3 (Salerno-Reggio Calabria), o dalla A16 (Benevento-Bari) uscire a Napoli centro/Via Marittima, proseguire per Via Amerigo Vespucci, poi Via Nuova Marina, continuando fino alla Facoltà di Giurisprudenza (Università Federico II di Napoli), che si nota per il suo profilo in vetro e acciaio. Girare a sinistra (senso obbligato) su Via Depretis, poi da Piazza Municipio, proseguire secondo le indicazioni stradali, prendere il tunnel “della Vittoria”, all’uscita del tunnel svoltare subito a destra lungo Via Domenico Morelli, salire verso via Filangieri e proseguire per Via dei Mille.



Centocittà

Centocittà offre informazioni sullo shopping, sui migliori negozi, sul tempo libero e gli eventi, ma anche sulle tradizioni, sul lavoro e su tutto ciò che può essere utile per vivere le città italiane.